Blog: http://ostinataecontraria.ilcannocchiale.it

»Un cilindro, un coniglio.

Ditemi dov'è finito il mio coniglio. Voi, voi che mi conoscete bene...ditemelo.
Voi che mi conoscete tanto da poter capire ogni mia mossa, da poter prevedere cosa farò più tardi, da poter pensare esattamente quello che penso io. Voi, e soprattutto tu, che hai passato con me tre anni, che hai condiviso tutto con me, che dicevi di capirmi anche quando non parlavo...tu che credi di conoscermi meglio di quanto io non conosca me stessa, tu che credi di sapere tutto - e cerchi di dimostrarlo sfoggiando paroloni che non ti stanno addosso - , tu che mi conosci, anche se ora, a cinque mesi dal tuo errore fingi, di non vedermi e giri la testa verso lidi ben più piacevoli alla tua vista per non salutarmi, dovresti prevederlo. Allora dimmelo dov'è finito il mio coniglio. Dimmi da quale cilindrò lo estrarrò 'sta volta. Scommettiamo che questo non lo riesci a prevedere? Scommettiamo che ora Alice tira fuori due conigli da tre cappelli, fa una capovolta e un inchino e lascia sbalordita la platea? Scommettiamo, o non hai le pall...ops, gli attributi? Io, che solitamente non scommetto mai - cosa troppo irrazionale e speculativa, come si fa ad affidarsi al futuro? - magari mi metto in gioco. Magari li seguo quei consigli, quelli che mi davi tu che si ritorcono ora contro di te...magari ti mando a quel paese e dopo averlo fatto tiro pure un respiro di sollievo.

Come diventano tristi certe persone quando cambiano, non è vero?

Pubblicato il 9/12/2008 alle 21.19 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web